social_top
 
social top right
 
TAB LATERALE
Sapzio Soci_lan
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Flickr
 
titolo

Rassegna stampa

 
Messaggero Veneto
09/04/2009
In poche ore oltre 8 mila euro raccolti da Messaggero e alpini
Anche le Bcc del Friuli Vg si aggiungono alla colletta. I soldi saranno gestiti dall’Ana per la ricostruzione.
UDINE. Una nuova banca si è aggiunta alle cinque che hanno dato disponibilità a raccogliere fondi per i terremotati attraverso offerte sui conto corrente aderendo all’iniziativa “Il Friuli per l’Abruzzo” che vede insieme MessaggeroVeneto e Alpini dell’Ana. Si tratta della Banca di Credito cooperativo che da oggi, dunque, avvierà la sottoscrizione, mentre sono già cominciate ad arrivare le prime donazioni. In poche ore, attraverso le coordinate messe a disposizione, già diverse persone hanno dato il loro contributo alle popolazioni colpite dal sisma versando somme da 2 mila euro a qualche decina. Il totale raccolto è stato di 8 mila (a fianco pubblichiamo i dettagli dei movimenti): vi hanno contribuito famiglie e singole persone, alcune delle quali hano preferito rimanere anonime.
Chi volesse aderire all’iniziativa lanciata dal giornale con la collaborazione delle penne nere dell’Ana udinese può dunque rivolgersi a uno qualunque degli sportelli delle seguenti banche: la Cassa di risparmio del Friuli Venezia Giulia, la Banca di Cividale, la Banca popolare di Vicenza, l’Unicredit e il Credito Emiliano. A queste, come anticipato, si aggiunge da oggi la Banca di credito cooperativo.
«Non potevamo non esserci – dice il presidente della federazione delle Bcc, Giuseppe Graffi Brunoro –, perchè il Credito cooperativo aveva toccato con mano quanto ci fosse bisogno di solidarietà nei momenti dell’emergenza. La nostra banca nazionale, la Federcasse, ha già avviato una sottoscrizione, noi però abbiamo ritenuto più oppoertuno sposare una causa locale. E questa, voluta dal MessaggeroVeneto assieme agli alpini, che noi tra l’altro sosterremo in occasione dei festeggiamenti per il 60º della Brigata Julia».
Parallelamente, continua la sensibilizzazione, anche attraverso il passaparola, della grande famiglia alpina. La sezione Ana udinese, cui fanno riferimento circa 12 mila soci, ha già provveduto a informare dell’iniziativa i 119 gruppi che devolveranno al comitato “Il Friuli per l’Abruzzo” quanto verrà raccolto con una loro sottoscrizione che già avevano deciso di avviare. E successivamente saranno le penne nere della sezione Abruzzi a indicare le emergenze sulle quali far convergere il denaro che la generosità dei friulani permetterà di raccogliere.