social_top
 
social top right
 
TAB LATERALE
Sapzio Soci_lan
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Flickr
 
titolo

News

 
Prodotti e servizi
28/10/2010
Proteggersi dalla crescita dei tassi d’interesse
In un contesto caratterizzato da aspettative di ripresa economica, i tassi a breve stanno registrando significativi andamenti in crescita. Per i consumatori che hanno stipulato mutui a tasso variabile, si pone il problema di un rialzo sfavorevole delle rate e la prospettiva potrebbe riservare sorprese sgradite se, come è probabile, la dinamica continuerà su tale trend di crescita. L’Euribor a 3 mesi, che a marzo era sotto lo 0,65%, in questa settimana ha superato l’1,00%.

Il Credito Cooperativo, proprio per proteggere il cliente da aumenti eccessivi che potrebbero causare serie difficoltà per il bilancio familiare, ha previsto alcune opportunità in grado di assicurare una ‘protezione‘, un tetto massimo alla rata del mutuo da pagare.

«Le Bcc continuano a pensare alle esigenze finanziarie delle comunità – è il commento di Giorgio Minute, direttore della Federazione regionale delle Banche di Credito Cooperativo – affiancando alla capacità di concedere credito, l'approccio culturale verso l’indebitamento responsabile e sostenibile».

La protezione viene tecnicamente offerta a mezzo dello strumento finanziario denominato “covered warrant cap”, con cui il sottoscrittore si garantisce l’incasso del differenziale positivo tra l’Euribor e il tasso soglia fissato come massimo (cap), tutelandosi così dagli aumenti eccessivi del valore percentuale del tasso. Per i clienti che contraggono un mutuo a tasso variabile, diventa estremamente interessante in questo momento fissare un livello conveniente entro il quale contenere le proprie capacità di far fronte ai rimborsi futuri. Il vantaggio per i sottoscrittori è, dunque, immediatamente comprensibile: non si paga mai più del tasso massimo stabilito anche se, nel tempo, la variabilità dovesse portare a un suo superamento.

E per chi, invece, ha già stipulato il proprio contratto con la banca? In tal caso, è possibile rivolgersi al consulente di fiducia del Credito Cooperativo che analizzerà, per ogni singolo caso, la soluzione che assicuri la copertura più appropriata.