social_top
 
social top right
 
TAB LATERALE
Sapzio Soci_lan
facebook_lan
twitter_lan
youtube_lan
Flickr
 
titolo

News

 
Iniziative Bcc
18/12/2012
Il ladro usa la “forchetta” per ripulire i bancomat
Si chiama “cash trapping” il nuovo sistema usato dai malviventi per rubare soldi agli utenti che prelevano i soldi ai bancomat. Con questo metodo, già molto diffuso nei paesi del Nord Europa, abili ladri hanno già cominciato a mietere vittime anche in Friuli Venezia Giulia.

Il metodo è semplice e poco tecnologico, in quanto i banditi, usando una sorta di forchetta, riescono a intrappolare i soldi allo sportello. Così il cliente pensa a una mancata emissione, forse dovuta a un guasto e, il più delle volte, si allontana. Ciò avviene soprattutto quando l’istituto di credito non è aperto al pubblico e così il malcapitato non può neanche chiedere aiuto al personale della banca. Se i ladri hanno una buona conoscenza dei vari modelli di bancomat, allora hanno bisogno solo di pochi secondi per riuscire a posizionare in maniera efficace nella fessura di erogazione la “forchetta” cattura-banconote.

La particolarità del cash trapping è che il display non segnala alcun guasto, ma le banconote restano appunto bloccate all’interno. Non riuscendo a capire che cosa è realmente accaduto, molte persone pensano semplicemente che l’operazione non si stata perfezionata. Insomma, ritengono che il prelievo non sia avvenuto e così se ne vanno. Subito dopo entrano in azione i malviventi che, in un istante, sbloccano il denaro intrappolato ed eseguono il furto.

Il più delle volte le denunce vengono formalizzate in ritardo proprio perché i clienti rimangono inconsapevoli del problema. Pensando erroneamente a un guasto del bancomat, non sporgono denuncia di furto fino a quando non si accorgono che il prelievo è realmente avvenuto.

Consigliamo dunque a tutti i cittadini che utilizzano i bancomat di attendere il tempo di erogazione (30 secondi di solito) e di contattare le forze dell’ordine - anche i funzionari se l’istituto di credito è aperto - in presenza di qualsiasi anomalia. E’ vero, potrebbe trattarsi anche di un guasto, ma è meglio verificare subito, senza allontanarsi dallo sportello, in modo da non permettere ai malviventi di concludere eventualmente il furto.